Quantcast

Lettere al direttore

Caso Ruby, Giovane Italia: “Sentenza sciagurata”

Il Direttivo Provinciale Giovane Italia di Brescia e coordinamento cittadino Giovane Italia, esprimono la loro profonda indignazione per la sciagurata sentenza ai danni del Presidente Silvio Berlusconi, emessa nella giornata del 24 Giugno 2013.
Dall’intera vicenda emerge chiaramente il tentativo, vigliacco e meschino, di eliminare per via giudiziaria e con mezzi alquanto discutibili, il leader del più importante partito del centro-destra italiano, protagonista della vita politica italiana
La condanna di Silvio Berlusconi a sette anni di carcere per il caso Ruby è fuori da ogni logica, in quanto i giudici sono andati al di là delle richieste dei pm. Siamo dell’opinione che a Milano, questo processo non si poteva fare. Era una sentenza larghissimamente attesa, ma il Tribunale di Milano è andato oltre, superando le richieste dell’accusa e additando come spergiuri tutti i testi in contrasto con il suo teorema, iscrivendo nel registro degli indagati tutti i testimoni a favore del Presidente Berlusconi. Sicuri e coscienti dell’onestà della maggioranza dei magistrati italiani, vogliamo andar avanti giorno per giorno con la vera e sicura speranza che la Giustizia sia davvero uguale per tutti.

Tiziana Ippolito coordinatore provinciale di Giovane Italia
Bruno Gorlani coordinatore cittadino di Giovane Italia

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.