Quantcast

Lettere al direttore

Morti bianche: “Il 26% delle vittime ha più di 60 anni”

Sono Carlo Soricelli dell’Osservatorio Indipendente di Bologna sulle morti per infortuni sul lavoro, in questi giorni di grande confusione politica ed economica sembra che si stia trovando la soluzione dei gravi problemi italiani scaricando la crisi sui lavoratori dipendenti.  Questi anni terribili dal punto di vista economico,  politico e morale hanno lasciato macerie.  Si vogliono far pagare ai lavoratori tutti gli errori e le malefatte di una classe dirigente che ci ha governato pensando solo ai propri interessi  che a quella del paese. Come trovare i soldi necessari per rimettere in sesto il Paese? Come al solito colpendo i lavoratori allungando loro ulteriormente l’età della pensione e non facendo pagare chi si è ulteriormente arricchito anche in questi anni di crisi. Il 10% degli italiani controllava nel 2000 il 30% della ricchezza e nel 2011 controlla  il 49%. Che paghino loro il costo della crisi e non i lavoratori e i pensionati che si sono ulteriormente impoveriti in questi anni di berlusconismo. Ma voglio darvi un dato che dovrebbe far vergognare chi sostiene un ulteriore  innalzamento dell’età della pensione.
Anche quest’anno il 26% di tutti i morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni.
Riflessi poco pronti, stato di salute spesso con problemi, sono componenti micidiali che provocano gravi infortuni sul lavoro, spesso mortali. Qui sotto l’elenco, con solo il nome, per il rispetto della pravacy, di questi  anziani “caduti sul lavoro” dall’inizio dell’anno. Credo che chi ha a cuore i lavoratori dovrebbe riflettere a lungo prima di  avvallare ulteririori misure punitive contro il mondo del lavoro.

Carlo Soricelli, Osservatorio indipendente di Bologna sulle morti per infortuni sul lavoro

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.