Quantcast

Timken, firmato l’accordo: salvi l’occupazione e il sito industriale

L'intesa è stata sottoscritta da Timken Italia, Confindustria Brescia, Fiom Cgil, Rsu e Regione Lombardia. Il sindacato vuole tempi stretti per il passaggio dell'area alla nuova proprietà e la ripartenza.

(red.) Nella mattinata di questo venerdì 29 ottobre è stato siglato il protocollo di intesa per Timken Italia, azienda di Villa Carcina (Bs) attiva nell’indotto automotive, in particolare nella produzione di cuscinetti a rulli conici a fila singola per il mercato fuoristrada e ferroviario. Il 19 luglio la società aveva comunicato alle rappresentanze sindacali la decisione di cessare ogni attività sul sito di Villa Carcina, con conseguente avvio delle procedura di licenziamento collettivo per i 105 dipendenti.
L’intesa è stata sottoscritta da Timken Italia, Confindustria Brescia, Fiom Cgil, Rsu e Regione Lombardia – con gli assessori Melania Rizzoli (Formazione e Lavoro) e Guido Guidesi (Sviluppo economico).

Prima è stato firmato un accordo istituzionale tra rappresentanze sindacali, azienda, Regione Lombardia e Confindustria Brescia che definisce l’impegno concreto di tutte le parti a salvaguardare i posti di lavoro, perseguendo la reindustrializzazione del sito sulla base delle manifestazioni di interesse già concretizzatesi per l’area industriale di via Fiume Mella 13/15 con il mantenimento dell’attuale destinazione d’uso del sito.

Il secondo accordo,  tra rappresentanze sindacali e azienda, prevede le azioni da intraprendere per la gestione dell’occupazione, tra cui il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria per 12 mesi quale strumento di transizione, percorsi di formazione e politiche attive rivolte in via prioritaria alla reindustrializzazione del sito e alla eventuale rioccupazione esterna dei lavoratori che trovino un altro posto di lavoro, e, per questi ultimi, un piano di incentivi.

“Sarà necessario monitorare costantemente l’evolversi della situazione, affinché nel più breve tempo possibile si arrivi alla cessione dell’area industriale al nuovo imprenditore e si inizi quanto prima a rendere operativo il sito”, si legge in una nota della Fiom Cgil di Brescia. “E’ già stato previsto un incontro per la fine del mese di novembre. Questa difficile vertenza ha trovato una positiva conclusione grazie all’impegno straordinario delle Rsu e dei lavoratori della Timken, che hanno presidiato l’azienda giorno e notte per oltre 100 giorni e ai quali va il ringraziamento di tutta la Fiom, insieme alle istituzioni che da subito si sono attivate per sostenerne la lotta e a Confindustria Brescia che con un atto inedito, si è impegnata in prima persona a trovare un soggetto industriale per la reindustrializzazione dell’area e per la salvaguardia della piena occupazione”.

“Confindustria Brescia, sin dall’inizio, ha contribuito alla ricerca della soluzione della vicenda, nell’interesse del sistema economico locale e dei lavoratori”, ha commentato Franco Gussalli Beretta, presidente dell’associazione imprenditoriale. “Abbiamo raccolto diverse manifestazioni di interesse per il sito, che dovranno essere valutate con attenzione per garantirne il futuro industriale. Allo stesso tempo, una parte importante degli addetti è già stata ricollocata in altre realtà industriali del territorio. Ci auguriamo, anche grazie al protocollo siglato dalle parti coinvolte, di arrivare in tempi rapidi ad una completa e soddisfacente risoluzione della crisi.”

“Siamo molto soddisfatti degli accordi raggiunti oggi,  hanno dichiarato gli assessori Rizzoli e Guidesi. “Regione Lombardia, insieme a Confidustria Brescia e ai sindacati si sta impegnando a lavorare per mettere a disposizione tutti i propri strumenti per salvaguardare il tessuto industriale ed occupazionale del Sito produttivo di Villa Carcina”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.