Quantcast

Da Antares Vision nasce RurAll, per un’agricoltura connessa e trasparente

Il progetto della società di Travagliato e dei suoi partner punta a creare una piattaforma informatica per tutte le operazioni agricole e al tracciamento di tutta la filiera grazie a un'etichetta intelligente.

(red.) Antares Vision Group, società con sede a Travagliato (Bs) leader a livello internazionale nelle soluzioni di tracciatura hardware e software (anticontraffazione e trasparenza della supply chain) e tra i principali player nei sistemi di ispezione (controllo di qualità) e nella gestione intelligente dei dati (efficienza della produzione e digitalizzazione end-to-end della supply chain, dalle materie prime al consumatore finale), annuncia la sottoscrizione di un accordo con tre partner strategici, – BF spa, il più importante gruppo agroindustriale italiano, Bluarancio spa, società di information technology leader nella realizzazione e gestione di piattaforme per il comparto agricolo italiano, e Sdf spa, tra i principali produttori al mondo di trattori, macchine da raccolta e motori diesel – per l’avvio di RurAll spa, società di recente costituzione e pariteticamente posseduta dai partner, finalizzata alla realizzazione di un progetto articolato in due aspetti, come informa una nota della società bresciana.

1. Un’infrastruttura digitale dei territori rurali, sfruttando le tecnologie digitali per incrementare la resa e la gestione di terreni su vasta scala e/o prestare servizi di consulenza dedicati alla digitalizzazione e/o la realizzazione di piattaforme e software DSS e ad altri sistemi dedicati all’analisi ed alla divulgazione dei dati, la cosiddetta Agricoltura 4.0 (il “Progetto Infrastruttura”);
2. Una piattaforma digitale, che attraverso l’impiego delle tecnologie emergenti quali IOT, AI, Big data, Blockchain, per la tracciabilità end-to-end dei prodotti agroalimentari, dall’origine delle materie prime, al loro percorso lungo la filiera, fino al consumatore finale, volta ad abilitare l’introduzione di un’etichetta “parlante” (smart label) in grado di certificare le autentiche produzioni “Made in Italy” e la sostenibilità dell’intera filiera e dei processi, produttivi e distributivi, dal punto di vista sociale, economico ed ambientale (con criteri chiari e prestabiliti sugli ingredienti utilizzati e sulle caratteristiche principali che la filiera deve avere soprattutto in termini di distribuzione del valore e dell’impiego di manodopera ai fini dell’ottenimento del rilascio della garanzia “Made in Italy”).

Tutto questo porterà due vantaggi fondamentali: avere una piattaforma informatica per tutte le operazioni agricole con un unico sistema-database di monitoraggio (quando seminare, storico statistiche rese di produzione, connessione a piattaforme meteo ecc.) e il tracciamento di tutta la filiera del prodotto attraverso una etichetta intelligente con la quale il consumatore può risalire all’origine del prodotto e eliminando i pericoli di contraffazione, molto frequenti soprattutto all’estero.

“Siamo orgogliosi di entrare a far parte di questo progetto/partnership”, dice Emidio Zorzella, Ceo di Antares Vision Group, “volto a proteggere il nostro Made in Italy dal campo fino alla tavola. Oggi il percorso di trasformazione digitale è indispensabile per poter garantire l’integrità e la trasparenza delle filiere e la prima sfida è connettere il mondo fisico con il digitale. RurAll accoglie competenze e specializzazioni provenienti da diversi ambiti e che, in sinergia, possono offrire un valore per il nostro Paese, per l’agricoltura, l’industria e per tutti noi”.

L’obiettivo di visione è accelerare l’infrastruttura digitale dei territori rurali, sfruttando le tecnologie digitali per incrementare la resa e la gestione di terreni su vasta scala, favorendo la trasparenza e la sostenibilità delle filiere.
L’intero progetto è volto a rendere più efficiente, garantire la qualità e proteggere dalla contraffazione l’intero settore agro-alimentare italiano, fondamentale per l’intero sistema economico nazionale, e conseguentemente tutti i consumatori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.