Plus Biomedicals pronta a lanciare sul mercato CwashⓇ per l’igiene orale

Più informazioni su

(red.) Plus Biomedicals, giovane startup bresciana che dal 2018 progetta e costruisce ausili per le persone affette da disabilità motorie, si prepara a rivoluzionare il mondo dell’igiene orale con CwashⓇ.
Plus Biomedicals grazie all’intenso lavoro del suo team interno di Ricerca & Sviluppo, in questi ultimi anni ha realizzato tre tipologie di lavatesta per persone in carrozzina e allettati, oltre a due tipi di mascherine chirurgiche prodotte direttamente nello stabilimento made in Brescia. E ora è pronta a presentare al mercato italiano e internazionale CwashⓇ, il primo device al mondo completamente automatizzato per l’igiene orale che non necessita dell’uso di acqua o dentifricio.

Il progetto di CwashⓇ è nato a fine 2018 grazie alla collaborazione tra i co-founders di Plus Biomedicals, Simone Mora e Francesco Vavassori, e un team di esperti in ambito odontoiatrico. Lo scopo era quello di creare un device che permettesse a persone con ridotte capacità motorie, disabili, anziani o allettati di lavarsi i denti in completa autonomia e con semplicità.

Ma ben presto si sono resi conto che CwashⓇ è molto di più: è un prodotto per tutti e che tutti dovrebbero avere e per questo CwashⓇ verrà lanciato sul mercato in anteprima tramite una campagna di crowdfunding sul portale americano Indiegogo, nella quale sarà possibile acquistare il prodotto con uno sconto fino al 40% rispetto al prezzo di quando entrerà effettivamente in commercio a settembre.

Per i più curiosi, è già possibile scaricare l’applicazione ufficiale di CwashⓇ che permette di visualizzare i report sulla frequenza di utilizzo, controllare lo stato del bite e modificare le impostazioni di lavaggio a seconda delle proprie preferenze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.