Quantcast

“Ragazzi On The Road”, con le forze dell’ordine per la sicurezza stradale

Più informazioni su

(red.) “Un progetto importante legato all’educazione e alla legalità, che vede i nostri ragazzi protagonisti attivi della vita comunitaria”. Così Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, è intervenuta nel corso della conferenza stampa conclusiva della speciale edizione estiva del progetto “Ragazzi On The Road”. Giunto alla quattordicesima edizione, il format educativo coinvolge studenti liceali ed universitari che affiancano nella loro attività quotidiana gli agenti della Polizia Locale, delle Forze dell’Ordine e le squadre di Soccorso.

All’evento sono intervenuti, tra gli altri, il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Fermi, il componente dell’ufficio di presidenza, Giovanni Malanchini, l’assessore regionale alla Sicurezza e Polizia locale, Riccardo De Corato.  L’edizione estiva di quest’anno è stata all’insegna della ripartenza e della rinascita e ha interessato tre province lombarde, Sondrio, Bergamo e Brescia. Ecco i Comuni coinvolti: Sondrio, Chiavenna, Livigno; Desenzano del Garda e Sirmione per il Bresciano; Alzano Lombardo, Verdello, Osio Sotto, Spirano, Orio al Serio, Dalmine, Clusone, Treviglio, Scanzorosciate, Brignano Gera d’Adda, Seriate e Bonate Sotto per la provincia di Bergamo.

“Sono particolarmente orgogliosa di ‘Ragazzi on the road’ perché tutto è partito dalla mia Val Seriana – ha aggiunto Lara Magoni -; ora, dopo il coinvolgimento delle provincie di Sondrio e Brescia, l’obiettivo è allargare l’iniziativa a tutti i capoluoghi della Lombardia. Si tratta di un esempio virtuoso da seguire, che permette ai più giovani di comprendere il duro lavoro e l’umanità che contraddistinguono uomini e donne che quotidianamente, con fatica e spirito di servizio, indossano con orgoglio una divisa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.