Quantcast

Lonato, Martina in Perù per un anno di volontariato

Appena diplomata al Liceo di Scienze umane, la giovane Martina Calì lavorerà con gli operatori della Comunità Missionaria di Villaregia a La Trinidad, periferia di Lima.

(red.) Fresca di diploma economico-sociale al Liceo statale delle scienze umane Don Milani di Montichiari (Brescia), mercoledì 4 agosto la giovane lonatese Martina Calì è partita per un progetto di servizio civile internazionale che la vedrà impegnata in Perù fino al giugno 2022.Lavorerà con gli operatori della Comunità Missionaria di Villaregia ad un progetto di sviluppo a La Trinidad, nella periferia di Lima.

“Risiederò nel quartiere di Mariano Melgar, da dove la comunità segue attività e iniziative in ben otto cappelle sparse in un vasto territorio”, ha raccontato.

“Organizzerò incontri di formazione per giovani sulla promozione della salute, collaborerò alla preparazione e distribuzione dei pasti nelle cucine popolari sparse nella periferia di Lima, lavorerò nella farmacia del centro medico gestito dalla Comunità missionaria di Villaregia”.

“Pur avendola meditata da tempo”, ha ammesso Martina, “questa scelta mi mette ancora tante paure, ma sono certa che potrà essere una fantastica opportunità per la mia vita. Ho appena terminato un solido cammino di formazione e con l’aiuto di chi mi accoglierà, guiderà e sosterrà, conto di farcela”.

La Comunità Missionaria di Villaregia è a Lima dal lontano 1986. In questi 35 anni nella capitale peruviana ha lottato contro il terrorismo, realizzato e gestito i comedores (cucine popolari sobrie ed essenziali), edificato chiese e un ospedale, avviato un Centro per la formazione professionale che è fra le poche speranze nel domani per le giovani generazioni della metropoli latinoamericana.

“Credo sia importante non smettere di progettare un futuro senza porci limiti”, ha osservato Martina. “Intorno a me vedo diversi giovani demoralizzati, che tendono a chiudersi in sé stessi. Vorrei tanto che rialzassimo tutti lo sguardo, perché in giro per il mondo c’è tanto da fare, sognare, progettare, tanta vita da vivere”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.