Quantcast

“La salute comincia a tavola”: accordo Ant-Coldiretti

Più informazioni su

(red.) Fondazione Ant e Coldiretti hanno firmato un accordo per studiare un piano salute a livello nazionale al fine di prevenire le cosiddette “malattie del benessere”, e in particolare i tumori, attraverso una corretta e diversificata alimentazione.
Gli obiettivi sono molteplici: innanzitutto sensibilizzare la popolazione a una cultura della buona alimentazione per incoraggiare stili di vita sani, facendo così il primo e più importante passo sulla strada della prevenzione. Inoltre, verranno promosse iniziative di solidarietà per la prevenzione delle malattie tumorali e per l’assistenza domiciliare per i pazienti oncologici, attraverso la conoscenza della tradizione alimentare italiana sostenuta da un modello di agricoltura made in Italy, che vanta il primato di essere la più green d’Europa e una delle più sostenibile al mondo.

“Studi e ricerche confermano che l’alimentazione, insieme ai corretti stili di vita, è una delle principali armi che abbiamo a disposizione per prevenire il tumore e le altre patologie tipiche delle società occidentali, le cosiddette malattie del benessere” commenta Raffaella Pannuti, presidente di Fondazione ANT. Per questo da molti anni ANT si impegna in progetti a tema alimentare, collaborando con nutrizionisti e chef per promuovere l’importanza di una dieta sana e variegata, argomento in cui gli italiani sono sempre stati maestri.

Il sistema alimentare italiano – ricorda infatti la Coldiretti – è caratterizzato da un modello nutrizionale i cui ingredienti principali sono olio di oliva, cereali, frutta e verdura, fresche o secche, una parte moderata di pesce, prodotti lattiero-caseari e carne, numerosi condimenti e spezie, il tutto accompagnato da vino o infusioni all’insegna di uno stile di vita fatto di legame con il territorio e alle tradizioni.

Ed è proprio questo legame speciale con la terra che consente agli agricoltori italiani di vantare un’impressionante ricchezza e varietà di prodotti, fra cui spiccano moltissime eccellenze: addirittura 272 prodotti DOP o IGP, tutti controllatissimi dal punto di vista della sicurezza eco-ambientale e nutrizionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.