Quantcast

“Mensa solidale”, mano tesa a chi ha bisogno

A Rovato i pasti non consumati a scuola vengono donati ad alcuni nuclei in difficoltà. Ora verranno coinvolti anche i supermercati locali.

Più informazioni su

(red.) Un’idea semplice come l’uovo di Colombo. E anche buona.
A Rovato (Brescia) ha preso il via il progetto “Mensa Solidale”, pianificato dall’assessorato ai servizi sociali  e condotto con la collaborazione della Casa Famiglia “Pane e Sale”, la “Fondazione Angelini” e l’associazione “Uno per tutti”.
«Gli operatori della Casa Famiglia raccolgono per conto del Comune i pasti avanzati nelle mense scolastiche – spiega l’assessore ai servizi sociali Simone Toninelli – poi li distribuiscono a una decina di famiglie segnalate dall’ufficio ai servizi sociali. Si tratta di un gesto con cui cerchiamo di aiutare chi ne ha bisogno».
I pasti, naturalmente, sono tutti integri e sono quelli che non sono consumati dai bambini e ragazzi perchè assenti. Nel prossimo futuro la “Mensa solidale” si amplierà. «In questi giorni stiamo contattando i vari supermercati del paese – rimarca Simone Toninelli – La richiesta è quella di affidarci i generi alimentari a breve scadenza di modo che possiamo distribuirli tra coloro che ne hanno necessità».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.