Quantcast

Alla cascina Maggia torna “Scambio di stagione”

L'iniziativa di Legambiente chiede ai cittadini di riciclare giochi, vestiti, libri, oggetti per la casa, piccolo mobilio ed elettrodomestici che non sono più utilizzati.

(red.) Il mercatino del libero e gratuito scambio torna alla cascina Maggia il 20 e 21 ottobre. Sabato si possono portare gli oggetti dalle 14 alle 18, mentre domenica si può prendere ciò che è in esposizione dalle 9 alle 17.  L’iniziativa di Legambiente chiede ai cittadini di scambiare giochi, vestiti, libri, oggetti per la casa, piccolo mobilio ed elettrodomestici che non sono più utili, ma che possono essere ancora utilizzati da altri.
 L’obiettivo è dunque quello di incentivare i cittadini ad allungare la vita degli oggetti acquistati, anche attraverso il passaggio “di mano in mano”: il mercatino di scambio è infatti una preziosa possibilità di incontro tra chi vuole liberarsi di prodotti diventati superflui e chi in essi vede nuovi oggetti utili. Insomma, un modo per fare del bene al portafogli e all’ambiente.
E’ bene infatti ricordare che gli ultimi dati del rapporto “Ecosistema Urbano” (condotto da Legambiente, AmbienteItalia e Il Sole 24 ore) non sono affatto incoraggianti: la nostra città produce sempre più rifiuti (nel 2010 732,8 kg per abitante all’anno) e non riesce a migliorare la percentuale di rifiuti differenziati. Se nel 2009 si differenziava il 40,15%, nel 2010 la percentuale è del 40,43%: un incremento (dello 0,28%) che non ha alcuna incidenza.
Brescia perde continuamente posizioni nella classifica italiana delle città ecosostenibili: nel 2007 il suo valore di sostenibilità era del 58,29%, nel 2010 è sceso al 49,71%. È dunque chiara la spinta ecologista che sottende a “Scambio di stagione”: ribadire che mediante
comportamenti individuali e collettivi che modificano gli stili di vita è possibile ridurre la produzione di rifiuti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.