San Polo, sport e dibattiti nel Parco delle Cave

Manifestazione organizzata da Piattaforma Civica nell'area dei laghetti, a Est di Brescia. Onofri: "Occasione per conoscere l'area e per dibattere sul suo futuro".

(red.)  Una giornata tra sport e dibattito al parco delle cave di San Polo.
L’occasione per far scoprire alle famiglie bresciane una zona di Brescia ancora poco conosciuta arriva da Piattaforma Civica. Con l’iniziativa, in programma domenica 30 settembre dalle 9,30 alle 18 nell’area dei laghetti di San Polo, si darà anche la possibilità ai cittadini di partecipare attivamente alla discussione intorno ai progetti di riqualificazione verde dell’area. Il punto di ritrovo per partecipare alle attività è il parco esterno della discoteca Paradiso in via Casotti, 12.
“Da un’idea di Agostino Pasquali Coluzzi abbiamo pensato di dare un’occasione ai cittadini bresciani”, ha spiegato Francesco Onofri, presidente di Piattaforma Civica, “molti infatti neppure conoscono questi laghi e questa zona della città dove nel giro di poco tempo, finita l’attività estrattiva, si spera possa nascere finalmente il parco delle cave. Le numerose associazioni sportive invitate”, ha proseguito Onofri, “faranno  provare gratuitamente a chi lo desidera vari sport.
Oltre alle escursioni guidate in bicicletta, a piedi o di corsa lungo gli argini, si potranno provare sci nautico, canoa, wakeboarding, vela, pesca sportiva, canottaggio, ma anche tennis tavolo, equitazione, judo, rugby, atletica, running e mountain bike. E ci sarà ovviamente spazio per mangiare e bere”.
Attività all’aria aperta, confidando in un meteo benevolo, ma non solo. La mattinata prevede anche un appuntamento di riflessione e approfondimento con la conferenza dal titolo “Il parco delle cave –  L’urbanistica partecipata: idee per un paesaggio urbano”, che si terrà a partire dalle 11 in una saletta appositamente allestita.
Ospite d’eccezione dell’incontro – introdotto dallo stesso Francesco Onofri – sarà Carlo Olmo, direttore dello Urban Center metropolitano di Torino. Insieme al professor Pierre-Alain Croset, Carlo Olmo commenterà e farà un bilancio delle relazioni affidate all’architetto Alessandro Benevolo, all’ingegner. Flavio Faustini, all’architetto Gianpiero Ribolla, responsabile settore Urbanistica del Comune di Brescia e ad Angela Paparazzo, presidente del Codisa, l’ormai nota associazione locale che da anni si batte per la realizzazione del parco e per la bonifica delle aree.
“Un tavolo aperto che coinvolge varie voci autorevoli”, ha concluso Onofri, “ci è parso il modo più coerente per parlare di partecipazione nella pianificazione del paesaggio e degli spazi verdi vitali della città”.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.