Quantcast

Con “Il baratto” i libri si scambiano al parco

L’appuntamento è ogni prima domenica del mese, a partire dal 5 febbraio, al Parco Jan Palach di via Tommaseo, dalle 9 alle 13. Tra le novità un angolo dedicato ai bambini.

(p.f.) Cultura, natura, solidarietà. Sono gli ingredienti della terza edizione di “Il Baratto. Scambia un libro la mattina al parco”, iniziativa promossa dalla Nord e dal Comune.
La formula è quella degli scorsi anni: un piccolo mercatino del baratto, allestito presso il parco Jan Palach di via Tommaseo, dove ciascuno potrà portare i propri libri e scambiarli gratuitamente con gli altri. In archivio, la circoscrizione ha già un migliaio di libri, residuo delle passate edizioni.
“Non ci sono solo romanzi”, ha sottolineato l’assessore al marketing Maurizio Margaroli, “ma anche testi di un certo valore, come codici giuridici e testi di economia. Un’iniziativa, dunque, che può essere anche da sostegno agli studenti, in questo momento di particolare difficoltà”. L’appuntamento è ogni prima domenica del mese, a partire dal 5 febbraio, al Parco Jan Palach di via Tommaseo, dalle 9 alle 13.
“Abbiamo ricevuto contatti”, ha aggiunto Lino Moretti, consigliere della Nord con delega al parco Palach, “anche da persone residenti nell’hinterland bresciano intenzionate a portare i loro libri sulle nostre bancarelle: un segno che l’iniziativa piace e che sta prendendo piede”.
Due le novità di quest’anno. La prima riguarda i bambini. Sarà allestito infatti un angolo di lettura per i più piccoli, dove saranno lette fiabe e racconti e dove i bambini potranno divertirsi a disegnare la loro giornata al parco.
“La seconda novità”, ha spiegato Marco Rossi, presidente della Nord, “è che al parco arriva anche la solidarietà. Saranno nostri ospiti, infatti, i volontari della Fondazione Ant, dell’associazione Alzheimer Brescia e della Compagnia Amici parco Tommaseo, che informeranno i cittadini delle proprie finalità sociali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.