Quantcast

Valtrompia, l’autostrada costerà (quasi) il doppio

Inaugurato alla presenza del segretario della Lega Nord Matteo Salvini il cantiere a Concesio. I costi passati da 155 a 258 milioni di euro.

(red.) “La differenza fra avere o non avere la Lega al Governo”. Con queste parole il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, motiva l’ avvio ai lavori dell’autostrada della Valtrompia, attesa da anni e ora al nastro di partenza con l’avvio dei cantieri il prossimo lunedì.

“Ora migliaia di cittadine e cittadini risparmieranno ore e ore della loro vita, ne beneficerà l’ambiente, le fabbriche, le industrie: collegare una delle valli valle più produttive d’Italia alla rete autostradale è qualcosa di fondamentale”, ha detto Salvini ai giornalisti presenti a Concesio (Brescia) all’inaugurazione del raccordo.

Sotto una pioggia torrenziale, ad accogliere il segretario della Lega, nel pomeriggio di venerdì 16 luglio, c’erano il senatore Stefano Borghesi, il deputato Matteo Micheli, il sindaco di Concesio Agostino Damiolini, quello di Lumezzane Josehf Facchini, l’eurodeputato Oscar Lancini ed i tecnici di Anas e Salc.
Il cronoprogramma dell’intervento prevede quattro anni e mezzo di lavori, anche se l’obbiettivo dichiarato dall’impresa è quello di accorciare i tempi con un cantiere operativo 24 ore al giorno e 250 tra tecnici ed operai impegnati. Il tracciato del raccordo  prevede una sola corsia di marcia, senza caselli nè pedaggi, che parte dalla Sp19 a Concesio ed, eliminando il traffico pesante dai paesi, la realizzazione della galleria artificiale “San Vigilio” (490 metri), due ponti sul Mella e due sui torrenti Faidana e Valgobbia, due viadotti e la galleria da Villa Carcina a Sarezzo, con svincolo all’imbocco di Lumezzane.

I costi dell’intervento? Quasi raddoppiati dopo le lungaggini burocratiche ed i vari ricorsi affrontati nel corso degli anni. Il bando per la realizzazione dell’autostrada risale al 2007, ma l’aggiudicazione è avvenuta solo nel 2016 per 155 milioni di euro, e, nel frattempo, il progetto è stato rivisto e modificato e il prezzo è salito a 219 milioni e 837milaeuro. A questo, poi, si aggiungono i costi sostenuti da Anas per la progettazioni preliminari che hanno fatto arrivare la cifra complessiva a 258 milioni di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.