Piano Rilancio del Governo, c’è anche l’alta velocità Brescia-Verona

I cantieri dell'opera da 3,4 miliardi sono ripartiti a metà aprile dopo un mese di stop dovuto alla pandemia.

(red.) In vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina del 2026, l’alta velocità ferroviaria Brescia-Padova (in questo momento è in lavorazione il tratto fino a Verona) potrebbe essere un’opera simbolo del rilancio del Paese Italia per uscire dall’emergenza legata alla pandemia. Il tema delle infrastrutture e dei cantieri è quello dal quale il Governo, come emerge da più parti, intende partire per un vero e proprio rilancio.

E una di queste opere, che è incorsa anche lei suo malgrado nello stop tra marzo e metà aprile, è la linea Brescia-Verona. Si tratta di un cantiere da 3,4 miliardi di euro i cui lavori sono iniziati nel luglio del 2019, ma come detto si sono fermati lo scorso marzo a causa dell’emergenza sanitaria. A metà aprile sono ripresi ed è difficile immaginare che l’opera possa essere pronta a dicembre del 2025 come prevede il Cipe.

Infatti, da una parte l’emergenza, ma anche lo slittamento dei lavori hanno indotto ad allungare i tempi, sui quali però si intende accelerare. Nello stesso piano Rilancio al quale il Governo sta lavorando potrebbero rientrare, secondo quanto ipotizza il Giornale di Brescia, anche la Corda Molle in vista di essere completata e soprattutto il raccordo autostradale della Valtrompia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.