D‘Annunzio, ministero esamina il piano di sviluppo

Iniziata la valutazione d'impatto ambientale sul progetto presentato da Catullo. Entro il 2030 si parla di un boom del traffico aereo tra passeggeri e merci.

(red.) La società Catullo, gestore anche dell’aeroporto “Gabriele D’Annunzio” di Montichiari, aveva parlato di un investimento generale da 101 milioni di euro e che comprendesse anche lo scalo bresciano. Un’altra novità, riportata da Bresciaoggi, riguarda il progetto di sviluppo che sta iniziando la valutazione a livello ambientale da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Si parla di mitigazioni varie e necessarie per compensare la presenza del futuro nuovo cemento, ma anche di limitare il consumo di suolo e vincoli più flessibili sulle aree confinanti.

Dal punto di vista dei numeri, la Catullo parla di un boom entro il 2030 nel traffico aereo, con 895 mila passeggeri e 429 mila tonnellate di merce ogni anno sullo scalo bresciano. E per questo motivo tra i vari interventi si parla di allungare la pista di più di 460 metri e la seconda fase dei lavori dopo il 2020, creando anche un sottopassaggio in corrispondenza della provinciale 37.

Sarà poi realizzata un’area a magazzino per il cargo e ampliato il piazzale della pista. Dal punto di vista ambientale, la valutazione d’impatto parla di rischi a livello inalatorio molto ridotti e anche il fatto che l’attività non inciderà più di tanto sulle polveri sottili. Infine, con l’arrivo di nuovi edifici, sarà necessario un depuratore per le acque reflue e non scaricare sull’impianto esistente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.