Quantcast

Ciclabile Garda, ok da giunta lombarda a intesa

Il governo lombardo ha approvato il protocollo d'intesa per l'anello da 140 km intorno al Benaco. E' un altro passo avanti per la realizzazione dell'opera.

Più informazioni su

(red.) “Abbiamo finalmente approvato il testo definitivo del protocollo d’intesa nazionale per la realizzazione della Ciclovia del Garda, un documento tecnico che coinvolge cinque enti, suddivide le competenze e darà formalmente il via alla progettazione di un’opera che fino a poco tempo fa era solo un sogno”. Lo ha annunciato giovedì 3 agosto l’assessore lombardo allo Sviluppo economico Mauro Parolini al termine della seduta di giunta. Durante la riunione è stato votato il documento che la Regione Lombardia, Veneto e la Provincia Autonoma di Trento sottoscriveranno da lunedì 7 agosto con il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e quello dei Beni e Attività culturali e Turismo.

“Un avanzamento concreto importantissimo, che mette la prima pietra ad un’opera, che dopo mesi di lavoro e interlocuzioni serrate a più livelli è diventata a tutti gli effetti di rilievo nazionale. Da quando, all’edizione della Bit di Milano del 2015, ha promosso questa idea sono stati fatti passi da gigante – continua Parolini.- L’opera è infatti già entrata nella manovra finanziaria ed è stata recepita tra le priorità del Governo nel piano di sviluppo del sistema nazionale di ciclovie turistiche, per il quale sono stati stanziati 74 milioni di euro nei prossimi due anni. Con la firma di questo protocollo d’intesa, viene raggiunto un traguardo fondamentale per la realizzazione di un’infrastruttura unica a livello europeo.

Su alcuni tratti i lavori sono già in corso e si può contare sulla disponibilità di 10 milioni di euro per il tratto lombardo e 26 per quello veneto: risorse che provengono dal Fondo dei Comuni Confinanti. L’anello ciclabile del Garda, opera di oltre 140 km, integrata e connessa con altre importanti percorsi ciclabili è un progetto dalla portata storica.

C’è una strategia comune interregionale, che permetterà a quest’area turistica di diventare una delle capitali europee del cicloturismo e del turismo lento e sostenibile, con importanti ricadute per il tessuto economico locale. Il cicloturismo è infatti un settore in costante crescita a livello europeo – conclude l’assessore – in grado di offrire notevoli opportunità di sviluppo e di generare un’importate indotto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.