Quantcast

Brescia, riaperta passerella via Brozzoni

Martedì 22 settembre il sindaco Emilio Del Bono ha inaugurato il tragitto sopraelevato rispetto ai binari e che porta verso il Freccia Rossa.

Passerella(red.) Martedì 22 settembre il sindaco di Brescia Emilio Del Bono con gli assessori ai Lavori pubblici e Mobilità Valter Muchetti e Federico Manzoni e il direttore territoriale della produzione per la Rete Ferroviaria Italiana hanno inaugurato la riapertura del percorso pedonale in via Brozzoni. E’ un tratto che collega la zona a sud della stazione verso il centro commerciale Freccia Rossa scendendo lungo via Togni e fino a via Zara. L’opera ha avuto un investimento di 350 mila euro per una serie di lavori, svolti soprattutto di notte e senza mai fermare le corse dei treni, con cui adeguarsi all’alta velocità che dovrebbe partire nel dicembre del 2016. Ma sulla passerella sarà installato anche qualche dettaglio, come da tempo chiedono i cittadini a palazzo Loggia.
Per garantire la sicurezza, infatti, saranno allestite varie telecamere di video sorveglianza collegate con la centrale della polizia locale. Intanto, sono stati montati dei fari per l’illuminazione, mentre la riqualificazione della passerella era stata chiesta proprio dal primo cittadino per “migliorare non solo il servizio dei treni, con il quinto binario, ma anche la sicurezza”. Una criticità, però, riguarda il fatto che sulla passerella non potranno salire i disabili e l’abbattimento delle barriere architettoniche, al momento, non è nei piani. Per quanto riguarda, invece, la stazione ferroviaria, vanno avanti a ritmo serrato i lavori per l’alta velocità. Varie opere sono state completate e sarà costruito un altro sottopassaggio che condurrà alla stazione della metropolitana. Intanto, la Rfi sta valutando i locali da mettere a disposizione per i senza tetto che vengono “raccolti” dall’autobus attivato dalla Loggia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.