Quantcast

Brebemi, “aiuto pubblico indebito”

E' l'opinione di Oriella Savoldi, della Camera del Lavoro di Brescia. "Contributo complessivo di 320 milioni, definito in rate da 20 milioni annui".

Brebemi(red.) Bocciatura sul finanziamento alla Brebemi da parte di Oriella Savoldi, della Camera del Lavoro di Brescia. “Le modalità previste dal Cipe nella seduta di giovedì 6 agosto”, si legge in una nota, “per il contributo complessivo di 320 milioni a Brebemi, definito in rate da 20 milioni annui (260 milioni dallo Stato e 60 milioni dalla Regione Lombardia), configurano questa decisione come aiuto pubblico indebito al ripianamento del deficit di bilancio della società concessionaria per una autostrada che a tutt’oggi si conferma inutilizzata e costosa”.
“Diversamente”, ha aggiunto, “non si comprende uno stanziamento più che decennale; tanto più considerando la previsione al 31 gennaio 2017 di entrata in esercizio a Brescia dell’interconnessione diretta con A4 (costo stimato 40 milioni), per altro aggiuntiva al collegamento esistente per il tramite della tangenziale esistente e la riconosciuta proroga della concessione di 6 anni passando da 19,5 a 20,5 anni. La violazione delle norme comunitarie è evidente come lo sperpero di denaro pubblico che in tempi di scarsità di risorse finanziarie potrebbe essere diversamente utilizzato”.
“La tragendia di questi giorni in Cadore”, ha concluso Savoldi, “indica quali sono le priorità anche a Brescia dove non mancano i rischi di frane e esondazioni e dove la necessità di cura e manutenzione del territorio a fronte di degrado e cambiamenti climatici è vitale, con benefici occupazionali immediatamente quantificabili a livello locale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.