Quasi 7 milioni di euro per tag e rifiuti

E' quanto ha speso la Provincia dal 2000 ad oggi per ripulire strade, muri e cavalcavia da graffiti e immondizia. Ma per il futuro l'ente non potrà più reggere i costi.


(red.) Il costo della maleducazione? Quasi 7 milioni di euro.
Questa la cifra spesa dalla Provincia di Brescia per  ripulire le infrastrutture da tag e rifiuti negli ultimi 11 anni. 6milioni sono serviti a pagare gli operatori che hanno ripulito strade, banchine e gallerie. Immondizia che non solo è indecorosa e dispendiosa, ma anche molto pericolosa per la sicurezza degli automobilisti.
I rifiuti, infatti, si infiltrano nelle caditoie dell’acqua, ostruendoli, col risultato che quando piove si formano pericolosi strati d’acqua sull’asfalto.  Circa 700mila euro, poi, sono stati spesi per cancellare i tag da muri e cavalcavia. Particolarmente gettonati, i pannelli fonoassorbenti della tangenziale Sud.
Ma se fino ad oggi la Provincia è riuscita a mantenere il controllo, in tempi di spending review il rischio è che non ci siano più soldi per intervenire. Già si prevede che nel 2012 i cicli di pulizia saranno ridotti da 4 a 1 all’anno; la Provincia sta pensando di costituirsi parte civile contro chi imbratta i muri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.