Brebemi, respinto ricorso di Legambiente

Fallito il tentativo degli ambientalisti lombardi di annullare progetto esecutivo della “direttissima” Brescia-Bergamo-Milano. Si tratta però solo di una bocciatura formale.

(red.) I lavori di Bre.Be.Mi possono proseguire. Il Tribunale amministrativo di Milano (seconda sezione, presidente Angelo De Zotti) hanno bocciato le osservazioni di Legambiente Lombardia che puntavano ad annullare la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica che nel giugno 2009 ha dato l’ok e definitivo ai cantieri nelle province di Brescia, Bergamo e Milano.
Il Tar ha dichiarato inammissibile il ricorso degli ambientalisti per l’annullamento dell’approvazione, da parte del Cipe, del progetto esecutivo della “direttissima” Brescia-Bergamo-Milano. Questo perchè, secondo i giudici, il ricorso può essere presentato solo dalle associazioni nazionali e non dalle articolazioni territoriali.
Non si è trattato di una valutazione di merito delle obiezioni di Legambiente, ma di una bocciatura formale e preliminare del ricorso, in accoglimento della la tesi di Bre.Be.Mi, della Società autostrade lombarde, di Rete ferroviaria italiana e della Provincia di Brescia che hanno eccepito la legittimazione di Legambiente Lombardia a promuovere il processo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.