Quantcast

Mano ferita in infortunio, salvato da Brescia a Monza

L'operatore ecologico di 54 anni si era tagliato l'arto sotto il portellone di un camion per la nettezza urbana. Portato a San Gerardo, intervento riuscito.

(red.) Era arrivato all’ospedale San Gerardo di Monza, specializzato in questi interventi, in codice rosso con l’elicottero e proveniente da Brescia per una mano amputata dopo essere rimasto vittima di un infortunio sul lavoro. A distanza di poche ore dall’intervento riuscito – scrive l’Ansa – il paziente sta bene, ma soprattutto ha la mano salva. L’arto era rimasto schiacciato sotto il portello di un camion per la raccolta dei rifiuti e tranciandosi di netto. L’uomo, un operatore ecologico di 54 anni, dopo mezz’ora dal suo arrivo in ospedale era già in sala operatoria e sottoposto a un intervento chirurgico per circa tre ore.

A operare erano stati Pietro Delle Femmine e Daniele Tosi dell’Unità operativa di Chirurgia plastica e chirurgia della mano diretta da Massimo Del Bene. “L’intervento è andato bene – spiega Delle Femmine e riportato dall’Ansa – la mano era ben vascolarizzata, sono stati ripristinati tutti i tessuti danneggiati. La prognosi è favorevole per un buon recupero della funzionalità della mano“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.