Quantcast

Infortuni Brescia, Cgil: meno vittime, più episodi

L'Osservatorio del sindacato ha diffuso i numeri del 2016 forniti dall'Inail. I morti sono calati, ma i casi rendono la provincia maglia nera in Lombardia.

Più informazioni su

(red.) Venerdì 21 luglio l’Osservatorio Infortuni della Cgil, sulla base dei dati forniti dall’Inail, ha diffuso lo stato della situazione per gli infortuni sul lavoro del 2016 nel bresciano. La notizia è il calo delle morti rispetto al passato, ma l’aumento degli episodi, tanto da rendere Brescia la peggiore in Lombardia. I settori in cui nel 2016 si sono verificati più spesso infortuni da lavoro sono quelli dell’agricoltura e dell’edilizia e hanno riguardato soprattutto gli uomini di circa 50 anni.

Per cinque anni gli episodi erano calati, invece si è passati ai 15.816 rispetto ai 15.530 del 2015, ma comunque lontani rispetto ai quasi 20 mila del 2011. Dal punto di vista dei numeri, la maggior parte degli infortuni, quasi 14 mila, hanno coinvolto chi era all’opera, mentre il resto per gli spostamenti verso il luogo di lavoro. Per quanto riguarda le vittime, si è passati dalle 32 del 2011 alle 30 del 2015.

Nel 2016 il dato è calato a 18. Sul fronte delle malattie professionali, nel bresciano sono 566 quelle riconosciute. Si parla di sindromi da esposizione all’amianto, altre di tipo osseo e muscolare e per tumori. “Servono diverse iniziative a tutti i livelli per far passare il concetto che le politiche di prevenzione sono un investimento per la salute dei lavoratori e di tutta l’economia” hanno commentato dalla Cgil.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.