Quantcast

Iseo acquisisce Sofia Locks, attiva nelle soluzioni di controllo accessi cloud native

(red.) La multinazionale italiana ISEO, con sede centrale a Pisogne (Brescia), ha acquisito la partecipazione azionaria di maggioranza della società Sofia Locks, con sede operativa a Milano e specializzata in soluzioni di controllo accessi cloud native. Questa iniziativa rientra nella strategia aziendale di ISEO rivolta a rafforzare la propria posizione internazionale in Europa nella gestione degli accessi e dei flussi delle persone all’interno degli edifici, con soluzioni integrate, sicure e semplici da utilizzare, come sintetizzato nel motto della nuova brand identity ISEO: “Ultimate access technologies to unlock your freedom to move”.
Ricordiamo che ISEO è da oltre 50 anni la multinazionale italiana leader nel settore della sicurezza e controllo accessi, con sede a Pisogne (Brescia), che dal 1969 lavora per spostare sempre più in avanti il significato di sicurezza, interpretando in chiave evoluta i bisogni di famiglie, aziende, progettisti ed installatori.

 
Il core business di ISEO sono Prodotti e sistemi connessi per la sicurezza ed il controllo accessi di abitazioni ed edifici, tecnologicamente innovativi ed affidabili. Un’offerta che copre l’intera richiesta del mercato: dall’edilizia residenziale ai grandi complessi commerciali e finanziari, dalle strutture ricettive e di trasporto alle infrastrutture critiche, grazie a una sempre maggiore integrazione tra il meglio della meccanica di precisione e l’elettronica smart.
Oggi è una realtà che può contare sul contributo di oltre 1.200 dipendenti nel mondo, e opera attraverso 12 società: sviluppa, produce e commercializza i propri prodotti e soluzioni in Europa, Asia, Medio Oriente, Sud Africa e Sud America.
Sofia Locks è un’azienda PropTech (tecnologie per le proprietà immobiliari) che nasce per servire la nuova richiesta di gestione sicura e flessibile degli spazi. Le soluzioni di Sofia Locks sono state progettate per rispondere ai bisogni degli spazi di lavoro, come i coworking e gli uffici (flexible workspace), degli spazi residenziali e di co-living, cohousing e social housing, oltre al mondo del retail e della logistica.

Roberto Gaspari

Le soluzioni di Sofia Locks si integrano nell’offerta sempre più completa di piattaforme digitali per il controllo dei flussi ed accessi del gruppo ISEO: i sistemi Argo, V364, SDK ed i sistemi Locken, accelerando il processo di innovazione digitale e permettendo ancora maggiore flessibilità nel controllo elettronico tramite app di svariati dispositivi che garantiscono la sicurezza di edifici ed abitazioni.
“Siamo felici di iniziare questo percorso con il team di Sofia Locks, fatto di giovani brillanti proiettati nel mondo della tecnologia e digitalizzazione, al settore degli edifici e degli accessi – fferma Roberto Gaspari, CEO del gruppo ISEO.
Queste caratteristiche si sposano ed aumentano le competenze di ISEO fatte di dinamismo, innovazione e gestione degli accessi. Potremo costruire un percorso di sviluppo speciale nel settore.
Inoltre, questa operazione permetterà ad ISEO di promuovere l’ampio catalogo ISEO in nuovi segmenti di mercato a livello internazionale”.
Continua Alessandro Nacci, Fondatore di Sofia Locks: “Abbiamo fondato Sofia Locks con l’obiettivo di portare innovazione nel settore real-estate. Sofia Locks è una PropTech, tecnologia per la proprietà e gli edifici, che si avvale dell’esperienza del suo team nella creazione di prodotti digitali e cloud native (IoT).
Il nostro percorso ci ha reso oggi un elemento essenziale per progetti innovativi di top players del settore immobiliare, a cui offriamo agilità, flessibilità, e automazione nella gestione degli spazi fisici. 
Abbiamo deciso di proseguire il nostro percorso con il gruppo ISEO che, forte della sua presenza internazionale, aiuterà l’iniziativa ad avere un respiro ancora più ampio.” 
Il mercato della sicurezza e controllo accessi 2020 è stimato nel 30% del mercato globale dell’automazione degli edifici, con un valore in Europa di oltre 8 miliardi di euro ed una previsione di crescita annuale nei prossimi anni del 10%.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.