Quantcast

Non ce l’ha fatta l’operaio ferito alla Silmet di Torbole

Il 38enne Alberto Turra è spirato dopo una note all'ospedale Civile, dov'era arrivato in condizioni disperate dopo l'infortunio sul lavoro.

(red.) Non ce l’ha fatta Alberto Turra, l’operaio 38enne residente a Zone che giovedì sera era rimasto gravemente ferito all’interno della Silmet, azienda specializzata nella lavorazione del rame con impianti a Torbole Casaglia. L’operaio è spirato questa mattina di venerdì dopo una notte in terapia intensiva all’ospedale Civile di Brescia.
L’incidente si era verificato giovedì intorno alle 19,40. Sembra che il 38enne stesse movimentando dei carichi pesanti a bordo di un muletto quando è finito a terra privo di sensi, forse colpito da una trave. I colleghi l’avevano soccorso allertando i sanitari che l’avevano portato al Civile in condizioni disperate.
La ricostruzione della dinamica dell’incidente è in corso da parte dei tecnici dell’Ats. I compagni di lavoro hanno scioperato saltando l’ultimo turno e l’agitazione è proseguita anche nella giornata di oggi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.