Alec Baldwin nei guai: Fbi smentisce versione incidente sul set con pistola bresciana

Secondo il rapporto balistico dell’Fbi, l'arma, una riproduzione della Colt 1873 realizzata dall'azienda gussaghese Fratelli Pietta, non avrebbe potuto sparare «senza premere il grilletto».

Brescia. La pistola made in Brescia usata da Alec Baldwin nella sparatoria fatale sul set di ‘Rust’ non avrebbe potuto sparare «senza premere il grilletto». E’ questa la conclusione del rapporto balistico dell’Fbi che, di fatto, smentisce la versione del regista-attore, il quale aveva sostenuto in una intervista a Abc News che non avrebbe mai puntato un’arma contro qualcuno premendo il grilletto.
Nell’incidente sul set cinematografico, che risale all’ottobre 2021, è morta la direttrice della fotografia Halyna Hutchins, mentre il regista Joel Souza è rimasto ferito. La pistola comunque avrebbe dovuto essere caricata a salve.

L’arma utilizzata nelle riprese del film “Rust”, una riproduzione della Colt 1873, è stata realizzata dalla storica azienda gussaghese Fratelli Pietta, impresa specializzata nella realizzazione di armi per il cinema e personalizzate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.