Morto per shock anafilattico, la Procura apre un’inchiesta

Gli inquirenti vogliono accertare le cause che hanno portato alla morte del 53enne camuno Alessandro Barni. Aveva assunto sostanze allucinogene?

Darfo. La Procura di Bergamo ha aperto un fascicolo, per ora senza ipotesi di reato nè indagati, per chiarire le circostanze della morte di Alessandro Barni, il 53enne di Darfo Boario Terme trovato morto in un campo a Costa Volpino, nella bergamasca, con centinaia di punture di insetto sul corpo.
La prima ipotesi formulata è quella che l’uomo, titolare di un’impresa di pulizie con la sorella nel paese camuno, possa essere stato stroncato da uno shock anafilattico.

Ma ci sono diversi elementi anomali nella vicenda, a partire dal fatto che l’uomo è stato trovato completamente nudo: diversi testimoni lo avrebbero visto, in stato di forte alterazione correre sulla mulattiera in località Qualino, gridando di essere in pericolo e che lo volevano uccidere.
L’uomo, che era ospite di alcuni conoscenti che risiedono nella frazione, si è ferito durante la fuga: lungo il sentiero sono infatti state trovate chiazze di sangue. Una donna ha cercato di fermarlo dandogli anche un paio di pantaloncini da indossare, ma inutilmente. Barni è poi andato a sbattere contro alcune arnie: le api lo hanno attaccato e l’uomo è stato trovato poi riverso in un campo, oramai senza vita.

Gli inquirenti vogliono appurare, attraverso gli accertamenti tossicologici ed autoptici, quali fossero le condizioni del 53enne. I carabinieri hanno sentito i testimoni e l’amico che lo stava ospitando, il quale avrebbe riferito che l’uomo avrebbe avuto un raptus improvviso, lanciandosi fuori casa e gridando.
La salma resta a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.