Quantcast

Accrediti con mail falsa per il Gp di Monza, tre bresciani indagati

Due imprenditori e un vicesindaco sono finiti sotto accusa partecipando al Gran Premio del settembre 2019.

(red.) Nei giorni precedenti a martedì 8 dicembre la procura di Milano ha depositato l’avviso di chiusura delle indagini a carico di due imprenditori e un vicesindaco bresciani con l’accusa di truffa aggravata nel momento in cui hanno partecipato al Gran Premio di Formula 1 a Monza nel settembre del 2019. Tutti gli accusati hanno 34, 42 e 49 anni e risultano indagati anche per sostituzione di persona.

Secondo l’accusa, attraverso l’indirizzo mail della presidenza della Regione Lombardia sarebbero riusciti a ottenere gli accrediti per partecipare all’evento nei posti migliori, quelli che al mercato valgono fino a 650 euro. L’indagine ha portato uno degli imprenditori a farsi interrogare dal magistrato a capo dell’inchiesta e sostenendo la propria unica responsabilità. Gli altri due, infatti, avrebbero solo goduto della giornata, senza mettere in campo alcun artifizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.