Perugia, in casa di un imprenditore libri antichi rubati alla Queriniana

Si tratta di opere dell'800 e '900 risultate prelevate senza autorizzazione dalla biblioteca di Brescia.

(red.) I controlli delle Fiamme Gialle della Guardia di Finanza di Perugia erano diretti a capire una sospetta evasione fiscale a carico di un imprenditore 77enne residente nella città umbra. Ma è stato scoperto anche molto altro, interessando anche il Nucleo di Tutela del patrimonio culturale. Infatti, nella sua abitazione l’imprenditore aveva diversi libri antichi e di cui una decina risalenti al 18° e 19° secolo e risultati prelevati senza autorizzazione – quindi di fatto sottratti – alla biblioteca Queriniana di Brescia.

I libri sono stati ritrovati nell’ambito di un’operazione di contrasto alla ricettazione di opere artistiche, archeologiche e bibliografiche. Una collezione, formata da libri e prodotti archeologici frutto di scavi anche clandestini che l’imprenditore non è stato in grado di giustificare. Oltre al 77enne sono scattate le denunce per i fornitori, di cui un 42enne di Gubbio e un 63enne di Spoleto, tutti accusati di ricettazione, incauto acquisto e anche di scavo clandestino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.