Quantcast

“Perso 3 milioni di fatturato”, imprenditore bresciano denuncia il Governo

Con un'impresa nel veronese, ha depositato un esposto in diverse procure contro il lockdown imposto dall'Esecutivo.

(red.) Migliaia di imprenditori e aziende si stanno lamentando di fronte a una situazione di scarso fatturato connesso con i postumi dell’epidemia e le riaperture. Lui, invece, un imprenditore 57enne residente a Brescia e che lavora come socio per un’impresa veronese di San Bonifacio, ha deciso di fare sul serio e denunciando il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e l’intero Governo. E’ tutto scritto nero su bianco in un esposto che il bresciano ha depositato nelle procure di Brescia, Bergamo, Napoli, Torino, Venezia, Bolzano e Milano.

Si fa riferimento al primo decreto del presidente del Consiglio (dpcm) del 23 febbraio e i conseguenti provvedimenti delle regioni che hanno portato l’imprenditore a dover chiudere a “vedere sfumare la possibilità di realizzazione di importanti contratti con conseguenti e rilevanti conseguenze economiche”. Parla di perdite di 3 milioni di euro, ma anche di danni subiti a livello psicologico ed esistenziale.

E l’imprenditore fa riferimento anche al fatto che il premier Conte aveva dichiarato l’emergenza sanitaria il 31 gennaio. Nell’esposto viene persino sollevato che il provvedimento di chiusura avrebbe provocato un danno all’ordinamento costituzionale nelle conseguenze rispetto a quanto prevede la Carta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.