Quantcast

Camici bianchi in Lombardia, procura di Milano apre un’inchiesta

Ieri la puntata di Report: azienda ha restituito somma alla Regione. Opposizioni chiedono che Fontana riferisca.

(red.) Il caso dei camici che sarebbero stati donati ai medici e professionisti operanti negli ospedali lombardi in piena crisi da pandemia da coronavirus, ma dopo che era emersa una situazione, invece, di affidamento e con tanto di pagamento si sarebbe risolto. Era attesa la puntata di ieri sera, lunedì 8 giugno, di Report su Rai 3 dopo l’annuncio di un’inchiesta sul presunto affidamento (e non donazione) di una fornitura di camici bianchi agli operatori sanitari nelle strutture ospedaliere. Al centro, infatti, è finita la Dama Spa, società di cui una quota del 10% è in mano a Roberta Dini, moglie del governatore lombardo Attilio Fontana e gestita dal cognato del presidente, Andrea Dini.

Aria Spa, la centrale di committenza del Pirellone, insieme alla stessa azienda avevano detto che si trattava di una donazione. Ma il programma tv ha mostrato una serie di documenti che certificavano, in realtà, un vero e proprio affidamento. E nel corso della puntata è anche però emerso che, nel momento in cui era stata pagata la fornitura da parte della Regione, l’azienda ha restituito la somma al Pirellone.

Un affidamento, pare e secondo quanto emerso da Report, all’oscuro del governatore e del cognato. Nel frattempo è notizia di ieri, lunedì, che la procura di Milano ha deciso di aprire un’inchiesta conoscitiva senza ipotesi di reato e nemmeno indagati per fare luce sulla vicenda. E intanto anche le opposizioni in Consiglio regionale chiedono che oggi, martedì 9 giugno, quando è prevista una seduta dell’assemblea, il governatore riferisca sui fatti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.