Inchieste aperte per il coronavirus, pg Brescia: “Un lavoro difficile”

Decine di fascicoli aperti nel distretto giudiziario (anche contro ignoti). Difficile accertare le responsabilità.

(red.) Un lavoro immane, complesso e difficile. Ne è convinto il procuratore generale di Brescia Guido Rispoli che ieri, venerdì 22 maggio, in un incontro con la stampa ha presentato l’attività che il distretto giudiziario di Brescia (comprende anche Bergamo, Mantova e Cremona) è chiamato a svolgere sul fronte delle varie inchieste aperte per il coronavirus. In tutto il distretto si parla di varie decine di indagini e di cui per il territorio bresciano sono circa settanta. Tutte aperte dai magistrati sulla base degli esposti presentati da privati cittadini, familiari di deceduti, associazioni e forze dell’ordine.

E che mettono nel mirino il personale delle case di riposo e degli ospedali per come è stata affrontata l’emergenza. Ma anche rappresentanti delle istituzioni nazionali e regionali lombarde, in particolare per aver concesso di trasferire i pazienti dimessi dagli ospedali (ma ancora positivi) verso le Rsa e non aver decretato zona rossa quella tra Alzano Lombardo e Nembro. Senza dimenticare anche gli esposti presentati dall’Inail per quanto riguarda i casi di contagio sul posto di lavoro. Tutti i fascicoli aperti nel bresciano sono a carico di ignoti e si parla di omicidio, lesioni colpose, epidemia colposa e responsabilità delle persone giuridiche per non aver fatto osservare le norme.

Ma il procuratore generale sottolinea la difficoltà nel condurre le inchieste anche per il fatto che molti deceduti, a causa dell’emergenza sanitaria, non sono stati sottoposti all’autopsia. Non è nemmeno chiaro come poter risalire agli eventuali comportamenti errati e dove i malati abbiano contratto l’infezione. Per quanto riguarda il territorio bresciano, i deceduti nelle case di riposo delle 84 Rsa dell’Ats di Brescia sono stati 1.600, ma non tutti legati al Covid. Anche se il fatto di non poter effettuare l’esame autoptico ha reso gli eventuali altri casi un mistero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.