1.600 morti nelle Rsa bresciane in due mesi, aperti 60 fascicoli

Vittime tra febbraio e marzo, ma non tutte per Covid. Si moltiplicano gli esposti arrivati alla procura bresciana.

(red.) 1.600 deceduti nelle case di riposo che dipendono dall’Ats di Brescia (non, quindi, in Valcamonica) tra febbraio e marzo. Ovviamente non tutti a causa del coronavirus, ma bisogna anche considerare che molte delle vittime non erano mai state sottoposte a un tampone, lasciando quindi il mistero sulle cause.

Sono i numeri riferiti a 84 residenze sanitarie per anziani che nelle scorse settimane i carabinieri del Nas di Brescia hanno controllato, acquisendo numerosa documentazione e depositando diciannove relazioni preliminari al pool di magistrati attivo nella procura di Brescia.

E proprio dagli ambienti investigativi si ha notizia di sessanta tra fascicoli ed esposti presentati da associazioni e cittadini (tra case di riposo e ospedali) per capire cosa sia successo in quei due mesi di ecatombe. In ogni caso tutte le inchieste sono state aperte contro ignoti e non ci sono indagati, anche se sarebbero già iniziati una serie di interrogatori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.