Quantcast

Rissa al Carmine nel 2018, archiviati sette skinheads

La mancanza di prove porta a non procedere nei confronti di chi avrebbe partecipato a quegli scontri.

(red.) Sono state tutte archiviate le posizioni dei sette skinheads che secondo l’accusa avrebbero partecipato a una rissa, scoppiata pare per motivi politici, nella notte tra il 28 e il 29 settembre del 2018 nel quartiere Carmine a Brescia. A quello scontro, ricostruito dagli investigatori, si erano opposti da una parte gli antagonisti e dall’altra quella del Veneto Fronte Skinheads.

Quattro dei componenti di estrema destra vennero arrestati e si arrivò a sette indagati con altrettanti fogli di via obbligatori nel Comune di Brescia. Nei giorni e settimane successive gli inquirenti avevano anche perquisito le abitazioni, fino alla decisione delle ore precedenti a sabato 28 marzo. Visto che non si è appurata la partecipazione alla rissa, i sette skinheads sono stati tutti archiviati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.