Foreign fighter arrestato portato in carcere

Samir Bougana, 25enne nato a Gavardo, nel 2013 era andato in Germania e da lì con moglie in Siria per combattere con l'Isis. Poi in mano alle forze curde.

(red.) Da ieri mattina, venerdì 28 giugno, si trova detenuto nel carcere di Canton Mombello a Brescia il foreign fighter italiano di origine marocchina Samir Bougana. Aveva combattuto al fianco del terrorismo islamico tra Al Qaeda e l’Isis prima di finire nelle mani delle forze democratiche curde in Siria e poi arrestato grazie a un lavoro di intelligence e tra più forze di polizia. Dalla Siria il 25enne è arrivato proprio ieri all’alba in volo e sorvegliato dalla Digos che lo ha condotto prima in questura a Brescia e poi dietro le sbarre. E ieri il procuratore Carlo Nocerino con la pm Erica Battaglia hanno presentato in tribunale l’operazione portata avanti.

Nato a Gavardo, Samir era stato arrestato lo scorso agosto 2018 in Siria dopo i combattimenti e nel momento in cui stava cercando di scappare. Ma è stato consegnato prime alle forze dell’ordine americane e poi alla Polizia italiana portando il giudice delle indagini preliminari a notificare l’ordinanza di custodia cautelare. Era stato prigioniero per quasi un anno in Siria ed era diventato celebre lo scorso febbraio quando venne intervistato dalla Rai parlando della sua attività come terrorista. Su di lui la procura di Brescia stava indagando dal 2015 per terrorismo internazionale.

Il giovane era partito da Gavardo nel 2013 verso la Germania, a Bielefeld, dove ha sposato una donna turca e avviandosi tramite internet alla radicalizzazione islamica. Nel 2015 con la consorte aveva raggiunto la Siria attraverso il confine con la Turchia e aveva iniziato ad addestrarsi per i combattimenti incassando 150 dollari al mese e con una casa a sua disposizione. Qui sono nati i suoi tre figli avuti dalla donna e in seguito aveva deciso di fuggire verso Raqqa, ma poi consegnato alle forze curde prima dell’arresto e, ora, della consegna e del carcere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.