Asilo Rodengo, maestre in difesa dal giudice

Hanno negato maltrattamenti e insulti ai danni dei bambini della scuola e confermato qualche strattone. "Ma solo nei pochi momenti di massima confusione".

Più informazioni su

(red.) Messe di fronte all’evidenza dei fatti nelle immagini riprese dalle telecamere nascoste, hanno però smentito i maltrattamenti di cui sono accusate. Nelle ore successive agli interrogatori di garanzia cui sono state sottoposte le tre maestre arrestate dell’asilo nido “La spiaggia delle tartarughe” di Rodengo Saiano, sono emerse le loro dichiarazioni al giudice delle indagini preliminari. Lo stesso che il 13 giugno scorso ha firmato i loro arresti disponendo solo l’obbligo quotidiano di firma.

Le tre educatrici – due di 29 anni e una di 25 – hanno rivelato di non aver mai insultato i bambini e nemmeno di averli maltrattati. Una difesa in piena regola, quindi, nonostante il video diffuso a livello nazionale e le intercettazioni ambientali. Hanno fatto notare come nella maggior parte delle scene non ci sarebbero stati maltrattamenti e che avrebbero perso la pazienza, con qualche strattone e spinta, solo nei momenti di massima confusione e stress come nelle ore di pranzo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.