Delitto Bailo, al Riesame richiesta di domiciliari

La 35enne per gli investigatori sarebbe stata uccisa dall'amante Fabrizio Pasini che invece parla di una caduta dalle scale. Verso richiesta perizia mente.

(red.) Il 18 settembre al tribunale del Riesame di Brescia si terrà un’udienza per discutere la richiesta dell’avvocato di Fabrizio Pasini di concedergli gli arresti domiciliari e di farlo uscire dal carcere di Canton Mombello dove si trova detenuto attualmente. L’uomo era stato arrestato per omicidio volontario e occultamento di cadavere di Manuela Bailo e aveva confessato agli inquirenti dopo essere rientrato dalle vacanze. Tanto da indicare anche il luogo dove aveva sepolto il cadavere della giovane.

Ma da una parte c’è la versione degli investigatori che parlano di un delitto in piena regola e dall’altra l’uomo che continua a indicare una caduta accidentale dalle scale dopo una lite. Tuttavia, il taglio alla gola sulla 35enne farebbe pensare ad altro e ora si attende anche l’esito dell’autopsia dalla quale potrebbero arrivare elementi importanti. Per il 48enne potrebbe anche essere chiesta una perizia psichiatrica dopo che il suo legale ha spesso parlato di un soggetto confuso e destabilizzato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.