Quantcast

Serle, spara a bandito, altro rinvio su processo

Nuova udienza preliminare il 2 febbraio per Mirco Franzoni, accusato di aver ucciso con volontà Eduard Ndoj. Si vuole verificare una telefonata con sparo.

(red.) Giovedì 1 dicembre in un’aula del tribunale di Brescia si è svolta l’udienza preliminare nei confronti di Mirco Franzoni, l’uomo accusato di omicidio volontario per aver sparato, nel dicembre del 2013, a Eduard Ndoj a Serle, nel bresciano. La ricostruzione delle indagini aveva portato a chiarire che il colpo fosse partito dal fucile di Franzoni dopo che aveva trovato il bandito nella casa del fratello. Ma le versioni continuano a essere discordanti.

Da una parte l’accusato dice che lo sparo sarebbe partito in modo accidentale. Al contrario, secondo l’accusa, il bresciano avrebbe compiuto una vera e propria caccia all’uomo inseguendo Ndoj fino a un bosco e da lì avrebbe sparato volontariamente con l’intento di uccidere il 26enne. Nel corso dell’udienza, a tre anni di distanza, si pensava che il giudice rinviasse subito a giudizio l’imputato per poter svolgere il processo e chiarire la sua responsabilità. Invece, ha convocato le parti, tra cui lo stesso accusato, il suo avvocato e il pubblico ministero a capo dell’inchiesta Caty Bressanelli.

Infatti, è stato disposto al consulente del pm di controllare la telefonata finita agli atti e in cui si avvertono gli spari e cercando di capire se si tratti di uno solo o più proiettili partiti. L’unico elemento certo, presente nella relazione dei Ris, è che il colpo è partito a meno di un metro e mezzo di distanza. In ogni caso tutto è stato rimandato al 2 febbraio 2017 quando si terrà un’altra udienza sulla base dei dati e il giudice deciderà sul processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.