Quantcast

Christo, visita di Maroni e giunta lombarda

Il governatore e alcuni assessori venerdì 8 hanno fatto visita alla passerella in costruzione sul lago d'Iseo. L'artista è stato loro guida.

Christo Maroni foto(red.) Per sostenere The Floating Piers, la passerella di Christo da Sulzano a Montisola, lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, la Regione Lombardia ci sarà per il sostegno, non solo economico, ma anche per la sicurezza e tutti gli altri settori. Le parole sono state pronunciate venerdì 8 aprile direttamente dal governatore Roberto Maroni giunto sul Sebino con mezza giunta per fare un sopralluogo e incontrare i sindaci. Tra loro c’erano gli assessori Mauro Parolini, Simona Bordonali, Viviana Beccalossi e Cristina Cappellini.
Sono stati guidati direttamente da Christo lungo l’opera d’arte che sarà aperta al pubblico dal 18 giugno al 3 luglio quando, secondo le ultime stime, potrebbero arrivare anche un milione di persone. L’artista ha mostrato ai presenti (tra loro anche il prefetto Valerio Valenti e il presidente provinciale Pierluigi Mottinelli) il tessuto giallo cangiante usato per ricoprire il ponte e uno dei 500 mila pezzi (che potrebbero raddoppiare) da donare come souvenir ai turisti che arriveranno.
Dal punto di vista dei lavori, gli addetti dicono di essere a metà e in linea con i tempi, mentre l’organizzazione è in movimento su ogni fronte, dalla sicurezza alla logistica. Il prefetto ha sottolineato che non ci saranno misure particolari di controllo, ma le stesse adottate in occasione di altre manifestazioni, tenendo però conto che il disagio maggiore sarà quello di garantire l’incolumità di 70 mila persone previste al giorno e in un piccolo spazio. Saranno attivi anche 300 volontari della Protezione civile a sostegno dell’arrivo dei turisti. Il Pirellone, quindi, ha confermato il sostegno economico, portando sul Sebino anche delle iniziative collaterali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.