Garda, sfiorato il disastro ambientale

Lunedì 14 un pezzo di collettore fognario si è sollevato a Lazise, nel veronese. Ha rischiato di rompersi inondando il bacino di deiezioni.

Più informazioni su

Foto tratta da un frame del video di L'Arena.it

Foto tratta da un frame del video di L’Arena.it

(red.) Lunedì 14 marzo si è rischiato un dramma ambientale sul lago di Garda. A un certo punto, per cause da accertare, il collettore fognario che si trova sul fondale e porta i reflui organici da Lazise verso Peschiera, nel veronese, si è alzato. Più di una persona ha segnalato quel particolare avvistamento, di circa 50 metri rispetto agli 8 chilometri di conduttura. Probabilmente per alcuni gas interni o per altre cause naturali, il tratto di tubazione si è alzato improvvisamente fino a deformarsi. Quel particolare fenomeno ha portato subito ad allertare l’ispettorato di Porto e i carabinieri, oltre ai vertici dell’Azienda Gardesana Servizi, l’omologa di Garda Uno per il veronese.
Per capire la possibile disgrazia basti pensare che quella tubazione trasporta le deiezioni di 300 mila cittadini. E se si fosse rotta, il contenuto avrebbe inondato l’intero bacino gardesano da Lazise e fino al resto del lago. Una tragedia, insomma. In molti parlano di un miracolo sul fatto che la conduttura non si sia aperta, mentre sono iniziati i lavori per riposizionarla sul fondale, la sua posizione originaria. Ma c’è chi ritiene che non si possa più aspettare con i cantieri per il nuovo collettore. L’attuale ha circa quarant’anni, mentre il progetto prevede di raddoppiarlo e di allestirlo non più sott’acqua, ma sulla terraferma. Peccato che servano 220 milioni di euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.