Tuffo nel lago per dire no all’urbanizzazione

Legambiente contro il progetto immobiliare di Paratico, sulle sponde del Sebino. "Pronti a ricorrere al Tar".

legambiente-protesta-paratico(red.) Le sponde di Paratico e Sarnico sono minacciate da una nuova maxi urbanizzazione. Nelle zone verdi fluviali, vicino al ponte che collega le due cittadine della provincia di Brescia e di Bergamo, sono partiti due maxi progetti di edificazione in pieno parco del fiume Oglio. La mattina di domenica 20 settembre, i volontari di Legambiente, a bordo di una piccola barca a vela, hanno manifestato la loro contrarietà hai progetti presentati dalle due amministrazioni locali.
“In segno di protesta un aderente al circolo del basso Sebino si è tuffato dalla imbarcazione nelle inquinate acque del lago prive di depuratori funzionanti. Siamo pronti a ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale”, ha detto il presidente del circolo Dario Balotta, “per evitare una nuova grave ferita sulle già compromesse rive del lago”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.