Quantcast

Frank, tesoretto di 800 mila euro cash

Il pizzaiolo Francesco Seramondi teneva migliaia di euro in contanti tra negozi e casa. Le Fiamme Gialle indagano.

da-frank-pizzeria-mandolossa(red.) Un vero e proprio tesoretto fatto di 800 mila euro in contanti. E’ quello che la Guardia di Finanza di Brescia ha trovato nei negozi, nella casa e nelle abitazioni dei familiari di Francesco Seramondi e Giovanna Ferrari, i coniugi uccisi martedì 11 agosto alla Mandolossa.
Le Fiamme Gialle stanno cercando di capire come mai l’uomo tenesse tutto questo contante tra casa e attività, nonostante l’alto rischio di un furto. L’idea è quella di capire che tipo di rapporti avesse con Muhammad Adnan, il proprietario del Dolce e Salato colpevole dell’omicidio. Possibile che Frank gli avesse prestato del denaro? Forse il pakistano pagava al pizzaiolo degli interessi passivi? Al momento l’omicida ha parlato soltanto di problemi di concorrenza, anche se gli inquirenti stanno valutando altre ipotesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.