Quantcast

Sin Caffaro, Cgil critica su Moreni

Il sindacato, dopo il rammarico per l'abbandono di Sesana, chiede che ci sia un piano strategico per la zona inquinata.

caffaro-mascherina(red.) Anche la Cgil di Brescia è intervenuta sulla proposta di nomina di Roberto Moreni, ex-dirigente del settore Traffico di Palazzo Loggia, come commissario del Sin Caffaro. “Con rammarico”, si legge nel comunicato, “abbiamo appreso dai quotidiani dell’abbandono dell’indicazione di Giulio Sesana a possibile futuro commissario per la Bonifica del sito di interesse nazionale Caffaro. Altra è infatti l’indicazione suggerita a livello locale e ora al vaglio del Ministero dell’Ambiente”.
La Camera del Lavoro da tempo ha chiesto che l’individuazione del commissario si accompagni alla definizione del  Piano complessivo di bonifica della sin-Caffaro corredato da un  Piano finanziario adeguato, “fin’ora mai entrati negli obiettivi dei soggetti istituzionali (Ministero, Regione, Comune). In assenza,  non si comprenderebbe l’insistenza per la nomina del Commissario (per fare che cosa? Con quali soldi?), tanto più considerando l’esperienza fallimentare e dispendiosa dei commissariamenti italiani senza alcun risultato in termini di bonifiche concretamente realizzate”.
“Non volendo rassegnarci a credere che una bonifica cosi importante per la salute della popolazione bresciana sia affidata all’individuazione di interventi di volta in volta indicati al seguito di eventuali finanziamenti che possono arrivare, il Piano complessivo di bonifica è prioritario e irrinunciabile”, conclude la nota. “Si tratta di rendere evidente l’insieme degli interventi che si debbono affrontare rendendone esplicite le priorità e le procedure, e soprattutto attivando le risorse finanziarie necessarie alla loro realizzazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.