Vallio Terme, un fulmine semina paura

Una saetta è caduta su un cedro, facendolo esplodere. Le schegge di legno hanno mitragliato una villetta e un’auto che viaggiava sulla provinciale.

(red.) Domenica 3 agosto, l’ennesimo temporale si è abbattuto sul Bresciano. E i danni, anche questa volta, non sono mancati.
Nel territorio di Vallio Terme, intorno alle 10 di mattina, un cedro secolare è stato colpito da un fulmine. Viste le dimensioni dell’albero, dopo l’esplosione schegge e ciocchi informi sono stati scagliati nella zona circostante, fino circa cinquanta metri di distanza.
Alcuni rami dell’imponente cedro sono finiti sulla vicina strada Provinciale. Un’automobile guidata da un cittadino di Agnosine è stata colpita dai pezzi di legno. Fortunatamente, i ciocchi che hanno centrato la Suzuki non hanno ferito l’autista, che è uscito illeso dall’incidente.
Ma non è finita qui. Nella traiettoria dell’esplosione si trovava anche un’abitazione. I vetri del salotto della casa sono finiti in frantumi, finendo per divellere addirittura gli infissi.
Parte del tronco viaggiava ad una velocità tale da trapassare la struttura da una finestra all’altra, andando a finire nel giardinetto dei proprietari, la famiglia Gorizia. Nessuno di loro, per fortuna, si trovava nel salotto al momento del disastro.
Anche i quadri elettrici, poi, sono esplosi dopo l’impatto con il fulmine.
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Lumezzane per mettere in sicurezza la casa e i tratti di strada danneggiati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.