Trapianti, premiato il Civile di Brescia

Presso il nosocomio bresciano identificati 24 donatori di organi. Ciò ha reso possibile a 68 persone di tornare ad una nuova vita..

Più informazioni su

(red.) Anche quest’anno il Responsabile del Coordinamento Prelievo Organi e Tessuti Regione Lombardia ha manifestato riconoscenza agli Spedali Civili di Brescia per l’impegno dedicato all’attività di donazione di organi e di trapianto realizzata dalla struttura.
Gli Spedali Civili nel 2013 si sono particolarmente distinti nell’attività di procurement non solo per il risultato complessivo ma anche per la compartecipazione condivisa allo stesso.
Presso il nosocomio bresciano sono stati identificati 23 donatori di organi con un’età media 60 anni e un donatore in età pediatrica. Il consenso alla donazione ha reso possibile a 68 persone di tornare ad una nuova vita grazie al trapianto e a 163 persone di ricevere un innesto di tessuti.
Da gennaio il numero dei donatori ha mantenuto un andamento di leggera crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (16 donatori vs gli 11 del 2013), mentre il numero dei trapianti di rene ha subito una leggera flessione (21 vs 23 del 2013) in linea con la media regionale e imputabile spesso all’età avanzata e alla comorbilità dei donatori. Il Presidio di Gardone Val Trompia ha contribuito con la donazione di tessuto muscolo-scheletrico da vivente
L’attività di prelievo e trapianto di organi e tessuti esalta l’importanza di un’ampia cooperazione di tutte le figure professionali e branche specialistiche. Ne è cardine la condivisione di un obiettivo altamente riconoscibile quale quello di garantire la miglior cura, se non la sopravvivenza, per pazienti ormai privi di alternative terapeutiche. Tutto questo è possibile grazie a un costante e accurato programma di formazione del personale ospedaliero, che oggi vede tutti gli operatori capaci di “fare squadra” e lavorare con convinzione e in perfetta sintonia e sinergia.
«Il riconoscimento è incoraggiante – ha spiegato il direttore generale Ezio Belleri – e premia il costante impegno degli operatori e delle associazioni che promuovono le diverse iniziative utili a sensibilizzare i cittadini sul tema dei trapianti”. Agli operatori di tutti i livelli che hanno contribuito, direttamente e indirettamente, all’attività’ di prelievo e trapianto di organi e tessuti, va la riconoscenza formale inviata dal Responsabile del Coordinamento Prelievo Organi e Tessuti Regione Lombardia a conclusione dell’audit del 30 Giugno 2014. Di fondamentale importanza è la corretta e costante informazione, che deve essere offerta dagli operatori sanitari ai cittadini, in merito al tema della donazione degli organi e tessuti perché solo così si può giungere ad una scelta libera e consapevole».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.