Borgo Wuhrer: convenzione da rivedere?

La richiesta di Claudio Mascialino al Comune di Brescia. Rivedere l’accordo, soprattutto per i costi di gestione del parcheggio, che "bloccano le attività commerciali".

Più informazioni su

(red.) Situazione positiva a livello di terziario e residenziale che, però, causa problemi a livello commerciale.
Claudio Mascialino, ideatore del progetto Borgo Wührer di Brescia, ha espresso queste problematiche in un messaggio inviato al Comune.
La convenzione urbanistica che pesa sul Borgo, secondo quanto dichiarato dallo stesso imprenditore, andrebbe rivista per favorire, appunto, le attività commerciali.
Nonostante l’area sia, di fatto, privata, sarebbe gravata da un vincolo di utilizzo pubblico che riguarda la piazza, i percorsi pedonali e il parcheggio, per un totale di di diverse migliaia di metri quadri. I costi di gestione, però, – secondo quanto reso noto, circa 300mila euro all’anno – sono totalmente a carico di Borgo Wührer.
«Di fatto – ha dichiarato Mascialino –  il parcheggio è un parcheggio di scambio, utilizzato gratuitamente da moltissime persone che lasciano qui l’auto al mattino,vanno a lavorare in centro e poi tornano il pomeriggio. In virtù della convenzione il Borgo non può applicare alcuna tariffa, mentre in città il parcheggio si paga ovunque».
Da qui la richiesta, tutt’altro che in sordina, al Comune di Brescia. L’idea dell’imprenditore, sarebbe quella di lasciare a carico della Loggia la gestione del parcheggio e, quindi, avere la possibilità di applicare delle tariffe mantenendo il vincolo pubblico. Inoltre, per rivitalizzare le sorti delle attività commerciale dell’area, Mascialino chiede di «dirottare alcune manifestazioni cittadine verso il Borgo».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.