Mondiali: Azzurri, adesso sono Uru…guay

Il ct Prandelli cambia modulo e si affida al "blocco Juve". In attacco scalpita il bomber Ciro Immobile, pronto per affiancare Balotelli.

Più informazioni su

(red.) Dopo la deludente prestazione con la Costa Rica, la nazionale italiana si prepara alla sfida decisiva con l’Uruguay con molti dubbi. Per andare avanti nel Mondiale non bisogna perdere e il ct bresciano Cesare Prandelli pensa di affidarsi al “blocco Juve”. Per l’attacco scalpita il bomber del Borussia Dortmund Ciro Immobile, pronto per affiancare Balotelli.
Prandelli – spiegano dalla Gazzetta dello Sport – sta pensando alla difesa a 3 che nell’emergenza gli ha sempre dato grandi risposte consentendogli di compattare la squadra, corazzare la difesa, creare densità a centrocampo e armare le ripartenze. È la coperta di Linus del c.t. Alla difesa juventina integrale (Barzagli, Bonucci, Chiellini) si potrebbero associare ai lati il rientrante De Sciglio e il rampante Darmian che in fase di possesso salgono ispirati dai cervelli centrali (Pirlo, Verratti).
Fra i più stremati ci sono Candreva e Marchisio, che domenica 22 giugno non si è allenato. La cosa potrebbe giocare a favore di Immobile, opzione che in Italia ha grande seguito popolare, specie dopo i gol sbagliati da Balotelli. Prandelli potrebbe rinunciare a uno dei due trequartisti, abbassare l’altro in mediana (o il fresco Parolo) e affiancare Immobile a Balotelli: 3-5-2. Con l’Uruguay costretto a sbilanciarsi, Immobile potrebbe trovare spazi che aggredisce con più voglia di Mario. Il bomber bresciano Mario Balotelli ci sarà di sicuro.
L’Uruguay dovrà molto probabilmente fare a meno del suo capitano anche nel match di martedì a Natal contro l’Italia: Diego Lugano, infatti, ha lavorato a parte e senza toccare il pallone. Lo staff medico della Nazionale ha ammesso che il difensore soffre ancora per l’infiammazione al ginocchio sinistro, problema che lo aveva già costretto a saltare la sfida con l’Inghilterra. Lunedì l’Uruguay svolge un ultimo allenamento nel ritiro di Sete Lagoas per poi partire alla volta di Natal.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.