Quantcast

A2A, accordo con Telecom per l’energia “pulita”

L'azienda di telecomunicazioni acquisterà solo quella prodotta da fonti rinnovabili, per i prossimi due anni.

Più informazioni su

(red.) Siglato un accordo tra Telecom Italia e A2A, multiutility partecipata dal Comune di Brescia, per l’acquisto di energia elettrica “pulita”, prodotta cioè da sole fonti rinnovabili, per garantire il fabbisogno di energia per tutte le aziende del gruppo per i prossimi due anni.
L`accordo costituisce per Telecom italia – il secondo più grande utilizzatore di energia elettrica del paese – una scelta che permette di abbattere ulteriormente l`impatto ambientale delle proprie attività, con la riduzione di emissione di co2 di oltre il 70%.
L’annuncio è stato dato lunedì 23 giugno nel corso del primo “Telecom Italia Energy Day”, evento dedicato  all’efficienza energetica e alle soluzioni di energia rinnovabile che rientra tra gli appuntamenti promossi in tutta europa dalla commissione europea in occasione
della Eu Sustainable Energy Week. «L’accordo  valido due anni con possibilità di proroga, costituisce per Telecom Italia, che ha consumi pari quasi all’1% del totale dei consumi nazionali, una scelta coerente con le politiche di sostenibilità già in atto». Così l‘ad di Telecom Italia Marco Patuano ha commentato l’accordo. I costi sostenuti dall’azienda per l’energia ammontano a circa 300 milioni l’anno. Nell’ultimo triennio, l’azienda ha introdotto un presidio costante per le attività di richiesta di titoli di efficienza energetica, i cosidetti ‘certificati bianchi’, a beneficio di progetti d’investimento, con importanti impatti  sull’efficienza energetica, ottenendo ricavi in ‘certificati bianchi’ per circa 16 milioni di euro. 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.