Quantcast

Turismo: 150mila euro dalla Provincia

L’integrazione dell'Accordo di Programma per la valorizzazione della Bassa Valle. Razzi: «Turismo termale leva per lo sviluppo del territorio».

(red.) Nella giornata di martedì 10 giugno l’Assessore al Turismo e Cultura della Provincia di Brescia Silvia Razzi ha annunciato, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Martinengo, l’impegno, sul Bilancio di Previsione 2014 – 2016,di una somma pari a 153.210 euro ad integrazione dell’Accordo di Programma per la valorizzazione del turismo nell’area della bassa Valle Camonica.
«Si tratta di un intervento per favorire la crescita della bassa Valle Camonica e per valorizzare il territorio attraverso la promozione di un’offerta turistica integrata, che permetta di destagionalizzare i flussi abbinando il termalismo con le altre risorse presenti quali sport, escursionismo, cultura, natura, enogastronomia».
Presenti all’incontro anche l’Assessore all’Innovazione e Tecnologia della Provincia di Brescia Corrado Ghirardelli, il Sindaco del Comune di Darfo Boario Terme Ezio Mondini e Sergio Trombini, Presidente dell’omonimo Gruppo.
«La somma impegnata a sostegno del termalismo – hanno spiegato gli Assessori Razzi e Ghirardelli – deriva dai canoni delle concessioni di sfruttamento dell’acqua minerale nel Comune di Darfo Boario Terme riscossi dalla Provincia nel corso dell’anno 2013».
Soddisfatto il Sindaco della città termale, che ha dichiarato: «Attraverso l’attuazione della mozione riguardante l’utilizzo dei canoni delle concessioni, le nostre acque acquisiscono il valore di risorsa, diventano una ricchezza che ha una diretta ricaduta sul territorio. Questo riconoscimento ci permetterà di avviare il progetto di rilancio della nostra stazione turistica e di procedere alla realizzazione di opere infrastrutturali che consentono di deviare il traffico nella cintura esterna della città».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.