Quantcast

Le “leonesse” al Rigamonti?

La squadra femminile di calcio cerca una struttura sportiva. Per la Champions League si guarda allo stadio di Mompiano.

(red.) Sono l’orgoglio dello sport bresciano. E sono donne. Le campionesse d’Italia del Brescia femminile si sono aggiudicate lo scudetto l’11 maggio scorso e ora per loro si pensa a una struttura sportiva in grado di garantire un servizio all’altezza dei risultati ottenuti.
Ne ha parlato giovedì 5 giugno in Loggia il sindaco Emilio Del Bono, che ha incontrato la squadra per complimentarsi ufficialmente con le ragazze e discutere del futuro della società.  «Questo risultato non è certamente casuale – ha detto il primo cittadino -ma frutto di anni di programmazione mirata. Stiamo lavorando per riuscire a garantire a questa società delle strutture all’altezza per un campionato di alto livello, per la Champions League e per un settore giovanile in costante espansione».
Il nodo è quello delle infrastrutture sportive che a Brescia scarseggiano per tutti gli sport. Manca un palazzetto all’altezza, dei campi per l’atletica e soprattutto uno stadio degno di ospitare partite di spessore che con l’ingresso della formazione femminile in Champions League si disputeranno invece dall’anno prossimo.
P
roprio per quanto riguarda il terreno di gioco si va verso l’opzione San Filippo per allenamenti e campionato, mentre manca ormai solo l’ufficialità per l’utilizzo del «Rigamonti» come campo adibito ad ospitare le partite europee, visti anche i buoni rapporti fra i presidenti delle due società calcistiche bresciane con Corioni presente alla cena di fine anno tenutasi mercoledì in Franciacorta. Fra i numerosi invitati c’erano anche i rappresentanti della Umbro, nuovo sponsor tecnico con il quale il Brescia Femminile ha sottoscritto un accordo triennale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.