Quantcast

Manerbio, parcometri in tutto il centro

In piazza Battisti e in Bianchi saranno disposti parcometri. Stesso sistema nelle vie limitrofe. Lamentele da chi lavora nella zona.

(red.) La rivoluzione del traffico di Manerbio si avvicina. Dal 9 giugno la viabilità del centro cambia volto, almeno attorno alle due piazze principali: piazza Bianchi e piazza Battisti.
La novità principale riguarda l’introduzione dei parcometri, in piazza Bianchi, la piazzetta antistante il teatro Politeama, attualmente libera. Per chi parcheggia in questa area (una trentina di posti auto in tutto), dal lunedì al sabato (esclusi i giorni festivi infrasettimanali), dalle 8.30 alle 19.30, bisognerà pagare per parcheggiare.
Stesso sistema, ma con alcune eccezioni, determinerà la sosta nella centrale piazza Battisti e l’adiacente via IV Novembre. Gli altri stalli a pagamento sono previsti su un troncone di via Palestro, zona dell’ufficio Inps. In tutti e tre i casi le tariffe prevedono 1 euro all’ora. Sono previsti anche pacchetti di abbonamento mensile, al costo di 25 euro, e annuale (150 euro), acquistabili negli uffici della Polizia locale.
A lamentarsi di più della scelta sono coloro che dei posteggi usufruivano tutti i giorni, ovvero i dipendenti Inps e i lavoratori di bar e locali del centro. Ma è proprio questa una delle ragioni che ha motivato la modifica.
La spiegazione delle novità giunge dall’assessore ai Lavori pubblici e alla viabilità, Giandomenico Preti: «Abbiamo deciso di mettere mano alla viabilità e al piano sosta a seguito di richieste e proposte da parte di diverse categorie di persone; la proposta punta a migliorare anche alcune criticità e di raggiungere un compromesso, permettendo a tutti di parcheggiare, dal momento che molti stalli sono occupati per buona parte della giornata.  I proventi dei parcometrisaranno destinati alla sistemazione delle strade».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.